Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
consolato_dortmund

FAQ

 

FAQ

DOMANDE FREQUENTI E RISPOSTE

Quali documenti occorrono per la domanda di rilascio o rinnovo di un passaporto? 
Clicchi qui per accedere alla pagina dell’Ufficio Passaporti del Consolato.

Quali sono le coordinate bancarie del Consolato?
Italienisches Konsulat Dortmund 
Deutsche Bank 24 - Konto-Nr. 377 266 201 - (BLZ 440 700 24) 
IBAN DE88440700240377266201 
BIC/SWIFT-Code DEUTDEDB440

SI RICORDA CHE I PAGAMENTI TRAMITE BONIFICO BANCARIO DEVONO ESSERE
EFFETTUATI ALMENO TRE GIORNI LAVORATIVI ANTECEDENTI AL RITIRO DEI
DOCUMENTI


Quali documenti occorrono per sposarsi? 
Clicchi qui per accedere alla pagina dell’Ufficio Stato Civile del Consolato.

Come posso evitare la doppia imposizione in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio? 
Scarica la Convenzione Bilaterale per evitare le Doppie Imposizioni del 18 ottobre 1989.

Dove trovo il modulo per chiedere il rimborso delle ritenute alla fonte applicate dalla Germania su dividendi?
Clicchi qui per scaricare il modulo in lingua inglese.

Sono residente all'estero. Come devo compilare la dichiarazione dei redditi?
Sul sito dell'Agenzia per le Entrate (www.agenziaentrate.gov.it) e' disponibile una guida agli adempimenti fiscali in Italia per i cittadini stranieri aggiornata a giugno 2006: Clicchi qui per scaricare la Guida Fiscale. Oltre che in italiano essa é redatta in altre sette lingue (inglese, francese, spagnolo, albanese, arabo, romeno e serbo-croato) e puo' quindi costituire un valido supporto all'attività di informazione di cittadini che abbiano prodotto in Italia redditi (da lavoro, finanziari, immobiliari, ecc) soggetti a imposizione fiscale.

Come posso trasferire in Germania un autoveicolo dotato di targhe prova?
La questione è regolata dallo Scambio di Note fra Italia e Germania sul riconoscimento reciproco delle targhe di prova del 22 febbraio 1993. L’Accordo entrò in vigore il 1° gennaio 1994. L’accordo stabilisce che, su base di reciprocità, il Governo della Repubblica Federale di Germania ammetta alla circolazione sul proprio territorio – per i viaggi di prova, collaudo e trasferimento – i veicoli muniti di targa prova italiana in stato di validità a condizione che:
- i veicoli siano muniti delle rispettive autorizzazioni alla circolazione;
- venga comprovata l’esistenza di un’assicurazione valida per la Repubblica Federale di Germania; viene considerata quale documentazione assicurativa: il certificato di assicurazione valido per la Repubblica Italiana e la Repubblica Federale di Germania.
Secondo lo Scambio di Note, sono considerate quale autorizzazione alla circolazione: l’autorizzazione italiana per la circolazione di prova ed una dichiarazione stilata su carta intestata alla Ditta titolare dell’autorizzazione, conformemente al modello prestabilito dall’allora Ministero dei Trasporti, in cui siano annotati e sottoscritti, con scrittura indelebile, dallo stesso intestatario dell’autorizzazione o da un suo procuratore i seguenti elementi:
- sigla e numero di targa;
- anno di validità;
- nome e sede della Ditta intestataria;
- fabbrica del veicolo - numero di identificazione del velicolo;
- massa complessiva massima a pieno carico (KG);
- per i veicoli adibiti al trasporto di cose, il carico ammesso sull’asse anteriore (KG), medio (KG), posteriore (KG);

Come posso ottenere il rimborso della tassa sui dividendi percepiti presso una società di capitali avente sede in Germania?
Il Bundeszentralamt für Steuern  fornisce le informazioni in tedesco sotto la voce Kapitalertragsteuerentlastung, Ausländische Antragsteller con moduli di rimborso in lingua inglese.

Come ottengo il rimborso dell’IVA per l’esportazione di beni e servizi?
Per imprenditori non residenti in Germania esiste la possibilità di richiedere il rimborso dell’I.V.A. pagata nella Repubblica Federale di Germania. Per scaricare la nota esplicativa (in italiano) dalla homepage del competente Bundeszentralamt für Steuern clicchi qui. La domanda di rimborso (clicchi qui per scaricare il relativo modulo) deve pervenire al Bundeszentralamt für Steuern - Außenstelle Schwedt, Passower Chaussee 3b 16303 Schwedt/Oder.

Vorrei stabilirmi in Germania. Dove trovo informazioni utili?
I seguenti siti forniscono informazioni, in lingua italiana,
- sulla Germania in generale: http://www.tatsachen-ueber-deutschland.de/it;
- su aspetti pratici per la vita in Germania: www.handbuch-deutschland.de/index_it.html
e, in lingua inglese, sulle possibilità di vivere e lavorare in Germania:
www.auswaertiges-amt.de/diplo/en/WillkommeninD/LernenUndArbeiten/LernenArbeiten.html

A chi mi devo rivolgere per il riconoscimento del mio titolo accademico in Germania?
L’Ufficio competente tedesco è la Kultusministerkonferenz der Länder a Bonn, Lennéstr. 6, 53113, www.kmk.org. Clicchi qui per leggere il foglio informativo redatto dall’Ambasciata tedesca a Roma.

Sono un’impresa e voglio lavorare in Germania con mio personale in distacco. Quali sono gli adempimenti necessari?
Un‘impresa italiana può eseguire lavori di montaggio o costruzione in Germania con i propri dipendenti sia che gli stessi siano cittadini di uno stato membro della CEE sia che siano extracomunitari.
L’appalto di lavori da parte di un’impresa tedesca a favore di un’impresa italiana non è condizionato dal fatto che l’impresa tedesca non abbia provveduto a licenziamenti del proprio personale oppure non faccia uso del lavoro con orario ridotto (a differenza di quanto avviene per le imprese extracomunitarie).
Nel caso l’impresa italiana appaltatrice impieghi lavoratori extracomunitari, le seguenti condizioni devono essere rispettate:
i dipendenti extracomunitari devono essere in possesso di un permesso di lavoro italiano ed essere alle dipendenze dell’impresa italiana da almeno 12 mesi;
devono essere in possesso di un visto del Consolato tedesco competente presso la loro residenza in Italia (il visto viene concesso per un periodo di tre mesi e può essere prolungato in ogni caso in Germania presso l’ufficio stranieri competente nel luogo della prestazione di lavoro).
Se i lavori eseguiti dai dipendenti dell’impresa italiana appartengono al settore edile ai sensi dell’articolo 211 del Sozialgesetzbuch III (che ricomprende in tale settore ogni lavoro idoneo alla costruzione, riparazione, manutenzione, modificazione nonché allo smantellamento di costruzioni), viene applicata la legge sul distacco di lavoratori Arbeitnehmerentsendegesetz (AEntG). Tale legge prevede alcuni adempimenti ulteriori a carico del datore di lavoro straniero indipendentemente dall’eventuale appartenenza ad un’altra categoria (non edile) in Italia:
- Obbligo di denuncia del nominativo del lavoratore distaccato: prima di iniziare il lavoro presso il cantiere in Germania il datore di lavoro deve denunciare i nominativi dei lavoratori, l’inizio dei lavori e la loro presumibile durata al Landesarbeitsamt (ufficio regionale di collocamento) competente per la circoscrizione in cui è situato il cantiere.
- Obblighi in materia di legislazione sul lavoro: la legge sul distacco di lavoratori prevede che anche il datore di lavoro con sede al di fuori del territorio di competenza di determinati contratti collettivi tedeschi validi erga omnes sia obbligato a rispettare le norme ivi contenute relative a salari minimi, durata minima delle ferie, ammontare della retribuzione durante le ferie, eventuale obbligo di partecipare ad eventuali sistemi di casse comuni (Urlaubskassen) per l’erogazione delle retribuzioni durante le ferie. Il datore di lavoro italiano è esonerato dall’obbligo di contribuzione in Germania esclusivamente se versa contributi ad una Cassa Edili italiana per gli stessi lavoratori che sono distaccati in Germania.

Quali sono le disposizioni per l’introduzione di armi dall’Italia in Germania?
Clicchi qui per leggere le informazioni redatte dal Consolato Generale tedesco a Milano.


76